CHE COS’È LA BIODANZA


Biodanza è un percorso di crescita personale e di sviluppo umano che favorisce l'espressione armonioso e integrato delle nostre potenzialità. (Vitalità, Sessualità, Creatività, Affettività e Trascendenza).
All’interno di un gruppo di partecipanti ognuno viene invitato a muoversi con naturalezza su musiche di vario genere (dal pop, alla classica, al jazz, al blues, etc.) e a rapportarsi con se stesso e con l’altro attraverso una serie di esercizi individuali, in coppia e in gruppo, secondo una precisa metodologia, elaborata nel corso di oltre quarant’anni di pratica, fondata su di una rigorosa impostazione psicologica e antropologica.
Il termine Biodanza fu creato per designare una disciplina dalle caratteristiche inedite. Occorreva ristabilire il concetto originale di danza nella sua più vasta accezione: come movimento di vita non assimilato né al balletto né ad altre forme di danze strutturate.
Il prefisso bio deriva dal greco bios = vita. Il senso primordiale della parola danza è movimento naturale connesso all’emozione e pieno di significato.
La metafora è quindi: Biodanza, la danza della vita. La Biodanza Sistema Rolando Toro Araneda è una disciplina che attraverso musica, movimento spontaneo e sentito, e le situazioni di incontro tra i partecipanti permette di conseguire effetti di integrazione umana, rinnovamento organico, rieducazione affettiva e riapprendimento delle funzioni originarie della vita.
Biodanza non può essere praticata individualmente, ma richiede che il processo di crescita individuale si realizzi all’interno di un gruppo che, nel tempo, si integra affettivamente e permette di accelerare l’evoluzione di tutti i suoi partecipanti.

Più nello specifico:
Per integrazione umana si intende la possibilità che ciascun individuo si integri a sé, attraverso lo scioglimento delle tensioni muscolari croniche e il riscatto dell’unità psicofisica; ai propri simili, attraverso il rafforzamento della capacità di stabilire relazioni significative con gli altri esseri umani; all’universo, intendendosi con questa espressione la possibilità di ristabilire, a livello interiore, il legame tra uomo e natura e di riconoscersi parte di una totalità maggiore.

Per rinnovamento organico si intende la possibilità di stimolare nell’organismo nuovi livelli di equilibrio a partire da stati di disordine; in Biodanza ciò avviene attraverso la stimolazione dell’omeostasi (equilibrio interno) e la riduzione dei fattori di stress, attraverso esercizi di rilassamento profondo in un contesto affettivo che aumentano l’efficacia dei processi di riparazione organica.

Per rieducazione affettiva si intende la possibilità di stimolare un’affettività matura ed equilibrata nell’essere umano, anche nei casi in cui difficoltà relazionali vissute nell’infanzia portano a meccanismi di difesa nei confronti dei legami significativi con gli altri.

Per riapprendimento delle funzioni originarie della vita si intende una sensibilizzazione agli istinti di base, in modo da permettere agli individui di rispondere armonicamente alle necessità organiche e, quindi, di mantenere la salute.

  Riflessioni – Testo di Rolando Toro “Educare intorno alla vita”